SALONE SAUVIGNON PTUJ 2020

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Monastero dei Minori di Ptuj // nuova sede

Sabato 27 giugno 2020
13:00 - 20:00

oltre 100 sauvignon e oltre 50 viticoltori //
Master Class: Robert Gorjak, Diploma WSET

cucina raffinata
Biglietto d'ingresso: 18 euro

salone

Sabato 27 giugno alle 13:00, la più antica città slovena aprirà per la sesta volta le porte del festival Salon Sauvignon. Al momento, 51 viticoltori provenienti da tutte e tre le regioni vinicole della Slovenia si sono registrati per il festival, al quale parteciperanno diversi espositori interessanti e una line-up culinaria molto forte dal Litorale alla verde Stiria. Ci sarà anche un tocco artistico, con una mostra d'arte occasionale dal deposito della Galleria civica di Ptuj, curata dal suo direttore, il pittore accademico Dušan Fišer. Il festival si concluderà con
concerto musicale del festival. Lo sponsor principale del festival è il Comune di Ptuj. Nuška GAJŠEK, sindaco di Ptuj: "Quest'anno, per la sesta volta di seguito, il Festival Salon Sauvignon attirerà a Ptuj non solo gli amanti del vino, ma anche quelli della cucina e dell'arte. Al Comune di Ptuj, crediamo che i festival di questo tipo siano un valore aggiunto che si basa sulla ricca tradizione vinicola e diffonde la cultura del bere vino, arricchisce l'offerta turistica della città, ci collega e ci mette accanto ai più grandi. Allo stesso tempo, è il Salon Sauvignon che apre le finestre e le porte dell'estate del festival. Anche se quest'anno sarà un po' diverso, grazie alle misure ancora in vigore dopo l'epidemia. Credo che sarà ricco, di successo e che ogni visitatore troverà un evento per sé e per la sua anima".

SOTTO ARCADE

Una novità fondamentale è il luogo dell'evento, che sarà spostato dal convento dei Domenicani a quello dei Minori. Slavko Dobnik, direttore del festival: "La decisione di spostarci dal carismatico Dominkanec non è stata facile per noi. Ma siamo impegnati a seguire le raccomandazioni e le restrizioni che sono ancora in vigore a causa del virus corona. Allo stesso tempo, vogliamo offrire un ambiente il più confortevole e sano possibile per i visitatori del festival, così come per i viticoltori in visita e altri partner, cosa che non sarebbe possibile nel monastero domenicano. Nel bellissimo Monastero dei Minoriti, abbiamo visto una soluzione ideale che ci permette di tenere l'evento all'aperto, ma al coperto - in un pittoresco e spazioso cortile interno sotto i portici. Allo stesso tempo, i Fratelli Minoriti ci hanno gentilmente offerto uno dei più bei refettori della Slovenia, dove terremo la Master Class di quest'anno. Il monastero domenicano è il nostro primo grande amore, ma quest'anno il monastero minorita ne ha aperto un secondo. Il salone si sta espandendo e potrebbe già l'anno prossimo superare lo spazio disponibile nel
le possibilità del monastero domenicano. Forse in futuro costruiremo Salon Sauvignon come un festival di due monasteri".

CLASSE MASTER

Staša BIZJAK, direttore del festival: "L'elenco dei viticoltori registrati mostra già che saremo ancora una volta testimoni di un'eccezionale diversità di tipi di sauvignon sloveni, che, anche da quanto ci dicono gli intenditori stranieri, è una grande peculiarità e valore della Slovenia come regione di coltivazione del sauvignon di alto livello." Uno degli elementi chiave del festival è la valutazione professionale del festival, che anche quest'anno sarà effettuata dall'Istituto agricolo e forestale di Ptuj. Gli otto sauvignon meglio valutati saranno inclusi nella Master Class di quest'anno. Robert GORJAK, rinomato critico enologico sloveno e scrittore di vino con una reputazione internazionale, il primo sloveno con un diploma WSET in vino e il titolare della Master Class di quest'anno: "Al workshop cammineremo attraverso i vini premiati e cercheremo di arrivare alle caratteristiche dell'annata, la micro-localizzazione e l'approccio generale del viticoltore alla vinificazione e il profilo del viticoltore attraverso le caratteristiche organolettiche. Toccheremo anche un argomento che non è spesso nel menu - se il sauvignon, come lo chardonnay o il riesling, può esprimere la zona di coltivazione e se è una varietà che invecchia bene".

ISOLA CULINARIA

Il festival di quest'anno sarà anche ricco di delizie culinarie. Per la prima volta, alle case culinarie locali Ribič e Grabar di Ptuj e Špajza di Haloz si unisce il ristorante COB di Portorose, e il festival sarà certamente caratterizzato da Primož DOLNIČAR, che viene inserito nel progetto dallo sponsor Perutnina Ptuj. Brigita SELINŠEK, Brand Manager, Perutnina Ptuj: "Prima che scoppiasse la pandemia, volevamo sviluppare ulteriormente il progetto e attirare giovani culinari di talento dalle scuole di ristorazione, con il nostro ambasciatore Primož DOLNIČAR come loro mentore nella performance culinaria al Salone. Primož si adatta perfettamente alla nostra visione, in quanto è un amante della natura e un fan del locale, locale in cucina. Ecco perché abbiamo deciso di fare un video promozionale con lui e gli altri culinari nella cucina di Primož, invitandoli a Salon Sauvignon via social media".

GIOVANI DELLE ZONE RURALI

Poiché l'anno scolastico è già in pieno svolgimento durante il festival, abbiamo dovuto rinunciare all'aiuto degli studenti e dei tutor della Scuola Biotecnica di Ptuj, che sono stati finora l'eccellente personale di catering del Salone. Ancora una volta, per la terza volta, i giovani dell'Associazione della gioventù rurale della regione del Basso Podravje sono venuti in soccorso, questa volta assumendo l'intero funzionamento dell'evento principale. Uroš KOVAČEC, capo della squadra dei giovani rurali: "Sentiamo che è molto importante mostrare al pubblico chi siamo e di cosa ci occupiamo, per sostenere i progetti di buon vino.
e per dimostrare che noi giovani siamo parte della cultura del vino e partner affidabili per gli eventi vinicoli affermati".

"Il Sauvignon sloveno è la prossima grande cosa che aspetta di accadere nella cultura del sauvignon
a livello globale - e Salon Sauvignon sta creando il futuro del turismo del vino in Slovenia.
la possibilità di essere parte della storia prima che sia diffusa dagli 'influencer' e che il Salon Sauvignon diventi qualcosa
massa".
Questa valutazione lusinghiera è stata fatta dal Dr. Paul J. White, un affermato scrittore di vino e membro del consiglio di amministrazione
CMS, vincitore del Master Class al Salon Sauvignon 2019, che ha giudicato centinaia di vini
eventi e ha descritto centinaia di destinazioni vinicole in tutto il mondo.
Il viaggio di studio in tre regioni vinicole slovene, che abbiamo organizzato per lui a marzo, è stato
il primo atto del festival Salon Sauvignon Ptuj 2020 di quest'anno.
In questi giorni, il sito web del Concours Mondial du Sauvignon, la più importante istituzione per
che promuove la varietà sauvignon nel mondo, ha pubblicato il suo articolo sulla Slovenia come un eccezionale
destinazione sauvignon.

https://cmsauvignon.com/en/is-slovenian-sauvignon-blanc-the-next-big-
cosa/#iLightbox[gallery12691]/0

In esso scrisse, tra le altre cose:
"Salon Sauvignon, questo evento annuale di un giorno, incentrato sul vino, è uno dei
un pubblico giovane e desideroso di stare al passo con le ultime tendenze dello stile sauvignon, ha creato
moda - il sauvignon è diventato sexy".

SALONE 2 1 in scala

Foto: Boris B. Voglar.

SALONE 1

Dalla conferenza stampa di mercoledì al MuziKafe di Ptuj. Foto.

Siamo felici di fornire ulteriori informazioni:
Slavko DOBNIK,
Direttore del Festival
041/328-488
ars.poetoviensis@salonsauvignon.eu

Staša BIZJAK,
Direttore del festival
031/261-760
ars.poetoviensis@salonsauvignon.eu

Seguiteci su:
https://www.facebook.com/salonsauvignon/
https://www.instagram.com/salonsauvignon2020/